martedì 6 dicembre 2011

Rai Stereonotte


Mi è sempre piaciuta la radio fin dagli albori delle radio libere. A metà degli anni settanta fui conduttore di una fortunata trasmissione musicale, Scatola Calda, a Radio Varese, l’unica radio libera dell’occidente occupato così strillava il suo logo inventato dal sottoscritto e divenuto titolo di un libro, una radio politicamente scorretta (negli anni novanta fu confiscata dalla nascente Lega Lombarda) e con un palinsesto musicale in cui anche il più innocuo e sbarazzino Aperitivo in musica per casalinghe e pensionati aveva come sigla una kilometrica Rock n’Roll di Lou Reed. Musicalmente parlando era molto più anticonformista (già nel 1976 era di casa Patti Smith) delle più titolate ed urbane Canale 96 di Milano e Radio Alice di Bologna ma si sa alla provincia non sempre vengono riconosciuti i suoi meriti. Ci stetti un paio di anni a Radio Varese fino a quando non fu “normalizzata” dalla sinistra ufficiale (fino allora era stata una Radio autonoma e di movimento), bivaccai qualche tempo, tra la fine dei settanta e l’inizio della decade successiva in qualche radio commerciale e poi finii a condurre settimanalmente un programma di deciso orientamento rock a Radio Popolare, radio che frequento tuttora. Proprio la “militanza” a Radio Popolare oltre alla mia attività giornalistica nel Mucchio Selvaggio mi valsero l’arruolamento nel team rotante di Rai Stereonotte messo in piedi dal direttore Pierluigi Tabasso. Devo ringraziare Massimo Cotto (tipo con cui non ho mai legato granchè ma anche lui del Mucchio), già a Rai Stereonotte da qualche edizione, per avermi introdotto a Tabasso, il quale oltre a stimare il la mia collaborazione con Radio Popolare condivideva con me la passione per la nautica. Assieme a Cotto ero in quegli anni tra il 1988 ed il 1990 l’unico conduttore extra-romano ovvero gli unici che arrivavano dalla profonda provincia del nord (lui Asti ed io Varese), cosa che strideva con la romanità della Rai e suscitava sguardi “compassionevoli” da parte dei rinomati conduttori dell’urbe piuttosto freddi al primo approccio verso i milanesi, anche se  in realtà ero un insegnante di una scuola media in una piccola cittadina (Somma Lombardo) della provincia di Varese. Per me fu il classico fulmine a cielo sereno, lasciare per qualche tempo colleghi, bidelli, libri e ragazzi vittime del teorema di Euclide  e catapultarsi nella Capitale facendo il lavoro più bello del mondo o almeno quello che si era sempre sognato dalla prima volta che si era acquistato un disco: trasmettere la musica di cui eri appassionato nella scenografia misteriosa ed intrigante della notte e nella migliore trasmissione di musica a livello nazionale, quella che l’ Italia ascoltava con lo stesso trasporto di quando io da ragazzo nottetempo ascoltavo Radio Luxembourg cercando di non farmi accorgere dai miei genitori.
Un bel colpo di fortuna, sebbene alle spalle ci fossero anni di ascolti, di letture, di recensioni e soprattutto un capitale speso in dischi ma lavorare 1/6 del tempo che trascorrevo a scuola senza tutta la fatica e l’impegno che comportava e guadagnare 1/3 di più con un lavoro che era uno sballo beh questo chiamatelo come volete ma rimane un colpo di culo. Certo lavoravo di notte, dormivo male, non ero a casa, la fidanzata era lontana, ero in una città che non conoscevo, mangiavo e bevevo in modo disordinato ma chissenefrega, questo, mi dicevo “è il rock n’roll”. Proprio solo non ero perché la redazione del Mucchio Selvaggio, giornale di cui ero redattore, era ed è a Roma per cui diversi amici che mi invitavano a cena e andavo con loro al cinema e  ai concerti c’erano e altri me ne feci di cui ancora adesso ho un buon ricordo.
Il mio impatto con Roma fu traumatico. Arrivai in questo residence sulla Camilluccia che avevo prenotato via telefono senza vederlo e sapere come fosse (internet era di là da venire) dopo aver fatto un lungo viaggio di 600 km con la mia Renault 5 bianca carica di vestiti, lenzuola, libri, giornali, dischi, stereo, casse, pentole, posate e piatti perché come extra-romano dovevo portarmi tutto il vivibile e l’usabile e sarei stato lontano da casa 4 mesi, salvo sporadici ritorni di 48 ore in treno. Mi sembrava di essere un militare ma la nazione che servivo era quella del rock n’roll anzi di Rai Stereonotte. La sera che arrivai in quello che più che un residence sembrava un bunker di cemento sottointerrato squallido e tetro dove Dario Argento avrebbe potuto ambientare un suo horror  fu triste. Era una sera di metà ottobre  cupa e piovosa, scaricai stanco il materiale sotto una pioggerellina fastidiosa più adatta al Varesotto che a Roma, piazzai lo stereo e misi un disco di Lloyd Cole and The Commotions per stare in tema con l’atmosfera uggiosa e umida e seduto su una sedia provai un profondo senso di malinconia pensando casa, i miei amori, gli amici e quelle piccole certezze borghesi che all’improvviso racchiudevano un calore che non avevo mai avvertito prima e mi sembravano una sorte di isola felice rispetto alla solitudine e al freddo del momento. Faceva veramente freddo in quel bunker, anche nei mesi successivi la cosa che soffrii di più fu il freddo tanto che ancora oggi quando mi dicono che Roma ha un clima tiepido tutto l’anno li guardo stralunati e non oso contraddirli. Presi coraggio e aprii l’armadio per deporre camicie, pantaloni, mutande e golf  ma in un cassetto ci trovai un topo morto da qualche tempo. Rimasi di merda, avvisai il portiere che infastidito perché era l’ora di cena mi sbarazzò con paletta e giornale dell’intruso e così dopo quell’incontro decisi di aspettare il giorno dopo per inquadrare meglio la mia nuova avventura. Il giorno dopo c’era il sole e Pierluigi Tabasso si rivelò una persona squisita e comprensiva, sapeva che venire da fuori non era come essere de roma , in primis perché non conoscevi “l’azienda Rai” e le sue dinamiche non semplici, era tutto nuovo e gli altri ti vedevano quasi come un intruso. In verità non sono mai riuscito a fraternizzare molto con gli altri conduttori tranne con Carboni e Cestoni nonostante dividessi le notti insieme ma a parte la settimanale riunione di redazione con il direttore il resto funzionava un po’ come a scuola ovvero l’insegnante entra nelle sue ore nelle sue classi e con gli altri insegnanti ci parla durante il Collegio dei Docenti o nella pausa caffè, se ti piace il caffè. Così era a Rai Stereonotte, ognuno aveva la sua fascia oraria che cambiava di giorno in giorno, arrivava coi suoi dischi quando l’altro finiva, un saluto, due parole e poi via solo nello studio, quando arrivava il successivo, se non era l’ultimo segmento, un altro saluto e due altre parole e così via. Parlavo più coi tecnici, in particolare con Sergio Spaccini, capello brizzolato e battuta facile da playboy de noantri.
Il problema per me che venivo da lontano erano i dischi. In quattro mesi te ne occorrevano tanti, dovevi portarti i vinili da lontano e con l’auto, lo spazio era quello che era e non potevi traslocare tutta la tua discografia. E’ uno dei problemi che più ho sofferto, quando trasmetti per un’ora e mezzo a notte per quattro mesi hai bisogno di una valanga di dischi, diversi e intercambiabili, chi abita in loco può permettersi di spaziare in lungo ed in largo perché ha a disposizione la discoteca di casa. Fate conto che l’archivio Rai non offriva quella specializzazione  ad personam per cui eri stato ingaggiato per cui dovevo fare salti mortali per rinnovare il mio bagaglio discografico, tenevo buoni rapporti con le case discografiche in genere generose con chi conduceva Rai Steronotte, poi facevo qualche ricambio quando tornavo a casa in treno con un valigione che pesava più di me, compravo qualcosa di nuovo a Roma e poi c’era Max Stefani, il direttore del Mucchio, che ogni tanto mi prestava dei dischi. Ma la faccenda era complessa, cosa per cui mi rimane il dubbio di non aver dato il meglio di me stesso nella programmazione di quelle notti proprio per questo, invidiavo i romani e non capivo quando dicevano della pesantezza di quel lavoro. A me sembrava il paradiso, ero abituato a svegliarmi ogni mattina alle sette ed entrare in classe alle otto davanti ad una massa di ragazzi che non aveva il minimo desiderio di starmi ad ascoltare di algebra e geometria per  quattro/cinque ore, lavorare a Rai Stereonotte era come essere in vacanza, nessun bambino che ti rompe le balle, nessun genitore pedante, niente presidi con l’orologio puntato. Una manna, solo rock n’roll, da solo in una stanza come Donald Fagen in The Nightfly, coi tecnici che ad un tuo cenno sospendono per un attimo la lettura di Trotto Sportsman  e fanno partire il disco dopo che tu lo avevi presentato e ci avevi raccontato una storia sopra sapendo che chi stava dall’altra parte della radio era pronto a sognare con la tua musica, le tue parole, le tue suggestioni.
Le prime due fasce orarie erano quelle che preferivo, quella tra le 12.30 e l’una e trenta e la seguente fino alle 3. Nella prima potevi sciorinare tutto il rock che volevi perché la notte non era ancora calata completamente e allora ero stringato nelle intro e pimpante coi ritmi. Mettevo senza paura di infastidire gli Stones, i Green On Red, i Replacements, Springsteen, Southside Johnny, David Johansen, i Dream Syndicate, i Blasters e tutta quella roba lì. Facevo parte del Mucchio Selvaggio e quella era la musica di quella rivista, il suo biglietto da visita. Altri conduttori erano più soft e soul per non dire “confidenziali”, usavano la voce in maniera e suadente, io, che non avevo una voce così vellutata e calda, cercavo di centrare il bersaglio portando gli ascoltatori sulle strade d’America facendoli sognare come in un road movie. Informavo e spargevo suggestioni stradaiole come il dj nero del film Punto Zero. Mi ricordo una trasmissione in primo segmento, una cosa molto particolare  sul rock in U.R.S.S che piacque molto al direttore Tabasso. L’avevo messa insieme coi dischi che mi aveva portato dall’Unione Sovietica un mio amico che li aveva acquistati al mercato nero. Gruppi locali che imitavano con molta innocenza e qualche ingenuità i gruppi inglesi e americani di beat e rock. Tutta roba sconosciuta, assolutamente “proibita” in patria, magari con un relativo valore artistico ma unica nel suo genere e per la prima volta trasmessa in una radio dell’occidente. Una trasmissione che mi riuscì bene in seconda fascia oraria fu a proposito di connessioni tra voodoo e musica. Ci stava a pennello con la notte, misi insieme la lettura di passi di un libro di Cornell Woolrich  con schegge estrapolate dal film Angel Heart  di Alan Parker supportando il tutto con brani di Dr.John, John Campbell, Willy De Ville  e musica di New Orleans. Fu una trasmissione intrigante e paurosa. Nelle altre fasce orarie era bene essere più  soffici e riposanti  per cui mi venivano di aiuto cantautori e cantautrici, Tom Waits, Joni Mitchell, Ricky Lee Jones per fare qualche nome e poi il blues e qualche jazz morbido che serviva ad accompagnare dolcemente gli ascoltatori nel sonno o fare quieta compagnia a chi lavorava e viveva in quegli orari. Ci scrivevano molti carcerati che non riuscivano a dormire e trovavano consolazione nelle nostre voci, nelle nostre parole, nella nostra musica. Nell’ultimo segmento, quella tra le 4 e trenta e le 5.45 la storia cambiava ulteriormente. Lì bisognava sottolineare con delicatezza il risveglio di chi si preparava ad andare a lavorare di prima mattina. Era una fascia ascoltata da operai dei primi turni o  quelli dei servizi di pulizia che prima che gli uffici e le banche aprissero avevano già fatto il loro lavoro. Era un pubblico diverso da quello del resto della notte per cui selezionavo diversa musica italiana, anche se non sono mai stato uno specialista del genere. Sceglievo tra i dischi di Paolo Conte, qualcosa del primo Zucchero perché sapeva di R&B, la Mina delle origini, il Celentano prima del Mondo in Mi Settima, Lucio Battisti, qualcosa del beat e qualche cantautore degli anni ’70 in odore di rivoluzione. Ci mettevo tra un brano e l’altro dei piccoli frammenti parlati sul tempo, sui colori dell’alba, sul brulicare della città che si sveglia, su qualche notizia curiosa e divertente, sui treni pieni di pendolari e studenti che si apprestano ad affrontare la giornata. Cercavo di far compagnia a chi stava lavandosi i denti o facendo colazione in casa raccontando qualcosa che non fosse specifico della musica ma relativo alla vita di tutti i giorni mettendoci un po’ di humour e qualche flash non stereotipato.
Mitico fu poi il collegamento la notte del capodanno 1990 con Dublino dove in concerto si esibivano gli U2. Fu una notte speciale sotto tutti i punti di vista, non era mai capitata una cosa simile in una radio italiana. Fui orgoglioso di parteciparvi, Carboni era a Dublino con la staff tecnico, Cotto ed io in studio a Roma.
Per me non era sempre semplice tirare le 4.30 per l’ultima tranche di Stereonotte, raramente dormivo prima perché avevo paura di non svegliarmi al momento giusto quindi cercavo di occupare la serata tenendomi sveglio come potevo.  Capitava di andare a cena con amici, stavo con loro a chiacchierare e sentire musica ma poi verso mezzanotte tutti si ritiravano e andavano a dormire, quindi mi ritrovavo solo, attraversavo la città in macchina, tornavo al residence sulla Camilluccia, se non lo avevo ancora fatto preparavo la trasmissione poi mi mettevo a leggere qualcosa ascoltando la radio e gli altri conduttori e se l’ora non era ancora arrivata facevo un giro in Via Veneto dove c’erano dei chioschi di giornali aperti tutta la notte per comprare  qualche rivista o la prima edizione del quotidiano.
La notte romana era per me un incanto. Andavo a dormire dopo la trasmissione per  cui se finivo alle tre o alle quattro e mezzo mi capitava di girare in macchina quando gli altri dormivano. Vivevo al contrario, non avevo problemi col rinomato intasato traffico romano, vedevo una Roma bellissima nel silenzio e nella solitudine della notte. Mi ricordo il senso di pace ed estasi quando passavo per  San Pietro completamente vuota e silenziosa, con la sola volante della Polizia che ogni tanto faceva un giro di controllo oppure farsi il lungoTevere senza un intoppo e assaporare un cappuccino caldo all’alba in un baretto dalle parti di Piazza Argentina. Conoscevo perché me li avevano indicati i miei amici romani  un sottobosco di bar e piccoli locali dove andare per un caffè, una birra o un whiskey aperti tutta la notte e frequentati da una fauna di nottambuli, balordi, insonni e prostitute. Era molto romantico o almeno io lo vivevo così, mi sembrava di essere proiettato in The Heart of Saturday Night di Tom Waits, cogliere la notte coi suoi segreti, i suoi perdenti, i suoi sogni. Ogni tanto mi capitava di assistere a qualche rissa o imbattersi in qualche tossico che non stava in piedi ma vedevo le cose con sufficiente distacco da viverle come in un film così da portarmi le impressioni e quelle visioni notturne appresso quando varcavo la soglia di Via Po ed entravo nello studio di StaiReonotte con i miei dischi. Quelle impressioni e quelle visioni scivolavano tra una canzone e l’altra così che non rimanevano solo mie ma arrivavano a quel popolo della notte che aveva come amico/a insostituibile la radio.
Rai Stereonotte, uno dei più bei periodi della mia vita.

MAURO ZAMBELLINI      OTTOBRE 2011

23 commenti:

Paolo Vites ha detto...

grande. non sapevo di rai stereo notte. vogliamo il libro adesso, zambo's night visions

Luigi Pulci The Man ha detto...

Grande Mauro Zambellini ,vero storico del Rock. Mi piacerebbe che scrivesse un libro guida sul rock degli anni 70 con tutti i protagonisti compresi i Deep Purple ingiustamente dimenticati,a tal proposito consiglio il cofanetto Listen Learn.... con parecchi inediti eseguiti magistralmente. (a parte qualche ridondanza)

Harmonica ha detto...

Bella storia e grande trasmissione, la più bella di mamma rai.

Anonimo ha detto...

Grande Zambo...questo tuo racconto da B-sides of life oltre ad essere in sintonia con un certo modo di vivere il R'n'roll è anche un tuffo nella nostra memoria di ascoltatori prigionieri del Rock ,in attesa tra la via Emilia e il West....Ti ho seguito quando scrivevi per il Mucchio e continuo a farlo con le pagine del Buscadero...vorrei dire e dirti tanto ma credo che la cosa migliore da dire sia ..Grazie Zambo e di CUORE !Ciao da Armando Chiechi (Bari)

Luca Mathmos ha detto...

grandissimo Mauro!!!! Io ho ancora la registrazione su cassetta della trasmissione sul rock sovietico che quella sera, con grande trepidazione per l'attesa di udirti ai microfoni (e sentire i miei dischi alla radio nazionale), registrai e ascoltai con trasporto...sono passati più di venti anni ma è in condizioni perfette!!

zambo ha detto...

ah che nostalgia.....sembrava un inferno l'URSS ma poi gli amici del Berlusca l'hanno resa ancora peggiore. Certo che a pensarci adesso nell'era Minzolini, una trasmissione di rock russo clandestino e fuorilegge, sulle frequenze della Rai....mi viene da pensare che....ridatemi indietro il passato perchè il presente mi fa vomitare

Anonimo ha detto...

pop-off prima e stereonotte poi sono state le mie trasmissioni preferite, con gli artisti che già conoscevo e con quelle che per me erano proposte e ho imparato ad amare.

Andrea Peviani ha detto...

Grazie di aver condiviso questi ricordi. Siamo stati fortunati ad avere la radio, quella radio. Oggi non c'è più nulla, quel tipo di comunicazione e di passione per la musica è stato scientificamente distrutto nel giro di qualche anno per avere che cosa? L'Ipod? Tutta la musica del mondo da scaricare? I blog musicali? La radio ti dava una canzone per volta, e quando era quella giusta e chi parlava sapeva creare un mondo, ti entrava dentro per accompagnarti tutta la vita. Potete dire lo stesso con le vostre playlist scaricate in pochi minuti?

Luca Mathmos ha detto...

Se penso che fra un po' non produrranno più nemmeno i cd (oggetto mai troppo amato ma devo ammettere molto utile, fosse solo per le ristampe con i bonus track e gli inediti mai ascoltati dei nostri artisti preferiti)....cosa faremo?, andremo dal negozio di dischi di fiducia con una fottutissima chiavetta dicendo "Mi scarichi l'ultimo di.....?" Ma fatemi il piacere!!!
Eh si, rimpiango il tempo in cui per apprezzare un disco ci volevano svariati ascolti e in silenzio con gli amici; non come oggi che la musica è diventata (per molti, ma non per tutti) un mero sottofondo per le ciance che si dicono in continuazione.
àt salùt!

valter ha detto...

sono racconti che rendono omaggio alla memoria senza per forza cadere nel retorico o nel nostalgico.
ma hanno la fierezza ed il rispetto dei sentimenti e di una passione che piaccia o non piaccia, ha segnato la nostra giovinezza.
ci eravamo conosciuti direttamente solo 2 anni prima, un inverno in cui siamo stati in irlanda per capodanno, tra una birra sulle scogliere di ACHILL ISLAND, una apple tart with cream(but hot please!)e un concerto a DUN LAGHOIRE DEI WATERBOYS.
un tempo in cui bastavano le affinità elettive e le passioni vere e profonde per cementare un'amicizia che dura una vita: in un frangente ho capito che tipo di persona eri.
quando ogni "italian journalist"avrebbe fatto carte false o si sarebbe prostrato a terra per intervistare MIKE SCOTT,all'epoca del fantastico capolavoro del irish folk che era the fisherman's blues.
io stavo chiaccherando tranquillamente con steve wickham, e tu, dopo aver capito che non era aria, hai liquidato il diniego di mike scott con un semplice commento: "se non ha voglia di parlare, sono cazzi suoi,quello che conta è la sua musica e concerto"
e siamo andati a farci una guinness.
mai stato uno disposto a venderti caro ZAMBO, hai sempre percorso con fierezza le backstreets della nostra musica, hai sempre amato i veri losers, e ti sei ritagliato uno spazio e una credibilità che diventa umanità, coerenza, profondità.
ricordo con struggente passione i tuoi turni a rai stereonotte, le cassette c90 che ci passavamo qui alla periferia dell'impero, e ricordo il grande MAURIZIO BIANCHINI, uno special su dylan che mi ha aperto gli occhi e la mente sul modo di far poesia nel rock, e poi,il mio modesto contributo di un cartone TOCAI FRIULANO,per renderti meno tristi le notti nel residence da PROFONDO ROSSO O SUSPIRIA....
e poi con che orgoglio sapere che mentre io ero al vecchio POINT DEPOT il 31 dicembre 1989 a dublino,sapere che tu stavi trasmettendo in diretta da roma tutto il concerto....
sono state notti a volte insonni, che ci hanno fatto diventare degli uomini migliori, ci hanno fatto sentire meno soli, ci hanno dato un senso di appartenenza.
finalmente la consapevolezza che i nostri sogni potevano diventare realtà e condivisione.
grazie zambo, resteremo per sempre quelli riscono a sognare ad occhi aperti.
che dio ti abbia in gloria
alain

zambo ha detto...

grazie valter le tue parole sanno arrivare al cuore come una canzone di willy de ville, mi ricordo quella splendida vacanza in irlanda quando ci eravamo conosciuti solo all'areoporto alla partenza (io sono quello col chiodo e i baffi ti avevo detto al telefono) scommettendo con coraggio su una amicizia ed un rispetto che dura tuttora. Nonostante tu sia juventino ed io interista. La sensibilità è sempre stata una tua dote come l'arrivare alla profondità delle cose con lievità ed ironia, inoltre hai una memoria migliore della mia ed alcuni fatti e alcune parole se non ci fossi tu sarebbero persi nella foschia della mia mente. Il rock ci ha reso uomini migliori ma anche noi ci abbiamo messo del nostro, come dice una canzone di Danny & Dusty siamo losers and dreamers, a volte anche illusi ma i sogni e le passioni mantengono giovani. Dentro, almeno perchè per il fuori vale quell'altra canzone di quei cinici degli Stones che dice time waits for no one, il tempo non aspetta nessuno. Troppo presto per affidami alla gloria di Dio, ci sono ancora bottiglie di cabernet che ci aspettano valter, mon ami.

Anonimo ha detto...

Grazie Zambo per avermi ricordato quel Capodanno 90! Io diciannovenne che abbandono la festa e la fidanzata e corro a casa ad accendere la radio e registrare il concerto... poi ogni 40' tornavo a girare la cassetta!
La Dirty old town di quella notte rimane uno dei momenti live più emozionanti che io abbia mai ascoltato

roby ha detto...

grazie mauro per Zurigo 81/Southern Rock 01 / Rock Blues 03 / il Tempo é dalla Nostra Parte 08 (mai parole sono cosi vere )...ciao

Anonimo ha detto...

48 anni, mai ascoltato steronotte :mi bastavano i miei dischi, le centinaia di compilation su cassetta che ci si faceva da soli, insomma lo sapete come funzionava ... ma seguo Zambo da sempre , leggevo il mucchio dal 1979 e...questo articolo è da incorniciare.per me che sono romano, poi, nonchè nottambulo rockettaro e via dicendo, è un racconto di assoluta bellezza.oltre l'autobiografia, al cuore della passione per il rnr.grazie

funkazzista ha detto...

Wow!
Ho linkato il racconto nel mio piccolo blog senza pretese.
Ho preso in prestito la foto.
Se vuoi che la tolga non fai che dirlo.
Grazie.

Anonimo ha detto...

Mauro, non ti saro' mai abbastanza grato per quelle nottate (a te e agli altri conduttori).
Ora, qui, in questo deserto ... tanta nostalgia.

exit ha detto...

Grazie per questo bellissimo racconto. Radio Varese è stata così importante per molti di noi: io allora ero una bambina ma ho respirato quell'aria, quei sogni, quell'entusiasmo. Grazie perché hai ancora quell'energia che io non ho più.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=XYaMTy--nLs

moncino68 ha detto...

nel 1988 avevo vent'anni..raistereonotte non mi faceva dormire.Molta della musica che ascolto ancora oggi lo devo a quel programma.Non vedevo l'ora di mettermi sotto le coperte col mio walkman e affanculo la scuola il mattino dopo..grazie zambo.

ferrantedp ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ferrantedp ha detto...

Ciao Zambo, leggo solo adesso questa memoria. Volevo solo dirti che ascolto Raistereonotte fin dalla sua nascita e ricordo la tua conduzione come la migliore della storia del programma.
Saluti
Ferrante

Claudio Carbone ha detto...

Dal 1984 al 1992 fui un assiduo ascoltare di RaiStereonotte,lavorando di notte come guardia giurata nel porto di Genova.Tra un giro e l'altro,bevendo un sacco di orribili caffe' dalle macchinette,cercando di non rilassarmi troppo ed in questo la musica mi serviva,scrivevo anche le scalette dei vari conduttori(mi piacevano molto di piu' quelli che provenivano dal Mucchio Selvaggio che non quelli,piu' edulcorati di Rockstar,ricordo a Doc,la bella trasmissione ideata da Arbore,una finta lite tra Enrico Sisti e Maurizio Bianchini) e sottolineavo i dischi che avrei comprato o per corrispondenza(Dimar,Nannucci etc.etc)o da Disco Club.Quell'esperienza lavorativa non mi piacque ,pero'ricordo con nostalgia quelle notti,in cui ascoltavo la radio,mi ponevo le domande piu' importanti e,speravo,in un futuro migliore,oggi ,piu' o meno e' lo stesso,pero' la radio e' cambiata tanto e in peggio.Grazie Zambo,per la musica trasmessa e per i bellissimi articoli(ti seguo ancora sul Buscadero)

Anonimo ha detto...

zambo ho qualche tua trasmissione